febrero 2, 2017 Home, La salute 1 comentario

Cari amici di Sant’Ildegarda per rimanere in forma, e affrontare questo freddo inverno, dobbiamo ricordare che Sant’Ildegarda può anche aiutarci con i suoi consigli.

Abbiamo a disposizione diverse possibilità a seconda delle circostanze. Alcuni rimedi sono preventivi e altri ci aiutano se siamo arrivati un po’ in ritardo e abbiamo già preso l’influenza o un buon raffreddore e abbiamo bisogno di aiuto in fretta.

Vi ricordiamo brevemente i principali rimedi da lei raccomandati per questi casi.

Per rimanere in forma in inverno abbiamo la miscela di polveri di Pelargonium (Geranium robertiano o Geranium English) in diverse presentazioni.

Il Dr. Strehlow nel suo libro «Der Hildegard Kompass» presenta la miscela di polveri di pelargonio come rimedio universale per l’influenza e sequele influenzali, mal di gola, tosse influenzale, raffreddamento, mal di testa in caso di influenza, influenza fredda o intestinale, debolezza cardiaca, dolori cardiaci dopo un’influenza, e per eliminare le tossine da virus influenzali, mal di testa da cambiamenti di tempo, bronchite, infiammazione dei seni e tonsille.
 
Il Dr. Strehlow fornisce le seguenti raccomandazioni per l’uso:
  • Come protezione contro l’influenza e i raffreddori, mettete da 1 a 3 punte di coltello in mano e leccate le polveri direttamente o cospargetele sul cibo.
  • Quando inizia un semplice raffreddore, mettete 1 punta di coltello su un pezzo di carta o nel palmo della mano e aspirapolvere duro, facendo attenzione che un po’ di polvere entri nel naso, soffiate spesso il naso e poi aspirapolvere di nuovo (non farlo in caso di congestione nasale purulenta).
  • Ripetere più volte al giorno per 4 settimane.
    In caso di mal di testa, a causa dell’influenza, prendere da 1 a 3 punte di coltello dalla miscela di polvere di pelargonium con un po ‘di pane di farro e un po’ di sale.
  • È molto efficace e agisce immediatamente (una volta che il pane è stato mangiato).
  • In caso di tosse influenzale, preparare una tortilla (o crepe) nel seguente modo: fare un impasto (come le crepes) con 50 g di farina di farro, l’acqua che ammette e cinque punte di coltello dall’impasto di pelargonium in polvere e, con un po’ di burro nella padella, farla diventare dorata. È possibile migliorare il sapore aggiungendo pezzi di mela e zucchero di canna.
  • In caso di catarro intestinale e bruciore di stomaco, prendere tre volte al giorno 3 punte di coltello della miscela di polvere aggiungerle al cibo, fino ad ottenere un miglioramento.
  • Una delle conseguenze delle tossine del virus influenzale è che possono danneggiare il corretto funzionamento delle valvole cardiache. Dopo un’influenza ci possono essere danni al cuore e grande debolezza cardiaca. Pertanto, dopo un’influenza è conveniente aggiungere, per quattro settimane, tre volte al giorno, 3 punte di quelle polveri nei pasti.
  • In caso di freddo e mal di gola possiamo bere vino caldo con polvere di pelargonio. Bollire 1 cucchiaino di polvere di pelargonium 1-2 minuti nel vino (circa 1 tazza) e bere il più caldo possibile (mescolando). Bere la sera prima di andare a letto ci permette di addormentarci più facilmente e ci fa sudare, ma la mattina ci sentiamo meglio. È conveniente ripeterlo per diversi giorni.

<br/ >

Per una maggiore facilità d’uso ci sono anche le compresse Pelargonium Powder Blend Tablets.

Queste compresse di polvere di pelargonium sono molto pratiche da prendere durante la giornata e possono essere portate in tasca per tenerle sempre a portata di mano. Evitare la fuoriuscita di polvere.

Per prevenire o decongestionare il naso abbiamo anche Pelargonium Spray.

Questa composizione a base di oli essenziali di piretro, geranio robertiano e noce moscata ha una piacevole fragranza rinfrescante e agisce stappando il naso.

Istruzioni per l’uso: spruzzare nell’aria 2 o 3 volte con lo spray o il nebulizzatore per disinfettare l’aria ambiente. Se spruzziamo, ad esempio, anche su camicia, maglione o cuscino, l’effetto è più intenso.
Non spruzzare mai direttamente sul viso.

 

 

E’ un’altra ricetta originale di Sant’Ildegarda di Bingen. Produce una sensazione di rilascio nel petto ed è molto comodo da usare soprattutto durante la stagione fredda.

Questo olio viene applicato con un leggero massaggio al petto in caso di tosse, bronchite e raffreddore. Alcune gocce vengono usate più volte al giorno sulla zona dello sterno. Applicato prima di andare a letto aiuta ad avere un sonno più facile e riposante.

Indicazioni complementari: L’olio di legno di verme può causare allergia, in alcuni casi, quindi provare prima ad applicare una goccia sul dorso della mano con un leggero massaggio. Aspetta 5 minuti e se diventa rosso non può essere applicato a quella persona.

 

 

Aiuta a fluidificare il muco grazie ai suoi ingredienti: marrobbio, aneto e finocchio. Questo decotto di vino ha un alto contenuto di potassio, ferro e oli essenziali di marrobbio disciolto.
Questa miscela ha proprietà calmanti ed espettoranti in caso di tosse irritativa e rauca.

 

 

Dice Santa Hildegarda:

«Raccogliere la linfa dei germogli potati in un vaso molto pulito la mattina presto e fino a mezzogiorno [non più tardi, perché la linfa si rovina] e conservarla in una stanza buia.». (PL 1244 D)

I bambini soffrono spesso di mal d’orecchi. Questo olio d’oliva con linfa di vite è ideale per alleviare i dolori all’orecchio.

Alcune gocce vengono massaggiate delicatamente intorno all’orecchio all’esterno con cura per non introdurre gocce all’interno dell’orecchio e tenere l’orecchio caldo con una sciarpa o un fazzoletto. Le testimonianze sono conclusive in termini di efficacia e velocità.

Verbasco e finocchio bevanda per raucedine

Miscela: 40 g di fiori di verbasco e 60 g di semi di finocchio.

Il dottor Strehlow, in uno dei suoi libri, raccomanda di cucinare 5 cucchiai di questa miscela in 1 litro di vino per 3 minuti e di filtrare. Conservare in un thermos e bere tutto il giorno. Ogni ora un bicchiere (20 ml) o quattro volte al giorno ½ tazza. Ai bambini vengono dati due cucchiai da tavola ogni ora e per i bambini piccoli, a partire dai 3 anni, un cucchiaino da tè ogni ora. Dopo 2-3 giorni la raucedine dovrebbe essere solvente. E ora puoi smettere di prendere la medicina.

Cari amici di sant’Ildegarda, spero che l’incarico di oggi sia utile per alleviare voi, la vostra famiglia e i vostri amici e che sant’Ildegarda sia più conosciuta, anche solo per i benefici pratici che ci porta.
Per molti, la salute può essere la prima porta a saperlo.
 

Vi auguriamo che con questi rimedi passerete questo freddo inverno senza grandi sconvolgimenti.

Dobbiamo sempre ringraziare Dio e in questo caso anche sant’Ildegarda che non ha taciuto quello che la Voce le ha detto di scrivere.

Escrito por Casa Santa Hildegarda