In situazioni di dolore, preoccupazione, frustrazione e/o stress, Saint Hildegard consiglia una serie di rimedi tra i quali già includeva quella che possiamo chiamare psicoterapia di Hildegardan.

Secondo Sant’Ildegarda, la tristezza o la rabbia causano molti disturbi e non solo disturbi dell’umore. Una persona che sente qualcosa di spiacevole nella sua anima o nel suo corpo, causa l’affezione del cuore, del fegato e della bile. Nel cuore, poi sorge come una specie di nebbia. Avvolge il cuore nelle tenebre, e l’uomo è rattristato. Dopo che la tristezza diventa rabbia.

Rabbia, frustrazione, preoccupazione, preoccupazione, dolore, ansia e stress sovraccarico di cuore, fegato e vasi sanguigni. La cistifellea eccita e avvelena il sangue con la bile nera. Come risultato, l’uomo si ammala.

Prima di tutto, dobbiamo cercare di trovare un equilibrio tra la tensione del lavoro e il rilassamento del riposo, tra l’essere soli e condurre una vita sociale troppo intensa, tra la preghiera e la meditazione, tra l’esercizio e il riposo.

Per ritrovare uno stato d’animo equilibrato, dato che una secrezione troppo forte di acidi biliari distrugge la flora intestinale, è indispensabile procedere ad una rigenerazione di quella flora con un’adeguata alimentazione e, se necessario, fornendo elementi esterni per la rigenerazione della flora.

Il movimento, come risorsa terapeutica, aiuta molto, la ginnastica, il ciclismo, l’escursionismo, il nuoto o la danza, attivano il metabolismo in generale.

Quando è possibile trovare terapeuti o medici esperti, la sangria hildegardiana elimina la bile nera e le sostanze che generano calcoli, come gli acidi biliari e il colesterolo.

Al fine di eliminare e neutralizzare la bile nera, è molto importante poter tagliare a secco la catena di stati d’animo che ci fanno ammalare. Mangiare due o tre biscotti di gioia e avere un bicchiere di vino «spento» può essere una buona soluzione.

    • Vino «apagado» (bere ogni giorno da una a tre volte al giorno 1 bicchiere, 20cl). Ogni volta che una persona è portata via dalla rabbia o dalla tristezza, dovrebbe bollire un bicchierino di vino rosso per 2-3 minuti e «spegnerlo» (con 1/3 della quantità di vino bollito), con acqua fredda e berlo, ancora caldo, sorseggiando. In questo modo si elimina la bile nera prodotta da un attacco di rabbia o tristezza (alla bollitura il vino perde quasi tutto l’alcool e, al massimo, rimane con una gradazione alcolica di 2-3 gradi).

Altri rimedi «antimelanconici

    • Arum Drink o elisir

      Bere 1-3 bicchieri di liquore al giorno, in caso di vera depressione, malinconia grave o umore depressivo, per mesi. Anche in questo caso, se lo si desidera, questa preparazione viene fatta bollire per 2-3 minuti e, una volta bollito, il vino perde quasi tutto l’alcool e, al massimo, rimane anche con una gradazione di 2-3 gradi. Queste parole vengono dal santo:
      «Chi ha nello stomaco una febbre con muco che dà brividi che cuoce la radice dell’anello nel vino puro….». Colui che ha la malinconia e uno stato d’animo cupo e triste che beve questo vino spesso diminuisce la malinconia, lo fa scomparire proprio come la febbre» (PL 1149 B).

    • Dictamnus albus (erba gitana)

      Migliora l’acuità visiva, 2-3 pizzichi, nella cottura dei cibi come spezia.
      Piretro (Anacyclus Pyretrum), come spezia per cucinare o spruzzare 2-3 volte al giorno 2-3 volte al giorno 2-3 pizzichi di piretro in polvere. La polvere di radice di piretro è un potente agente che aumenta l’intelligenza ed è considerata un rimedio universale da Sant’Ildegarda.

    • Pelitre (Anacyclus Pyretrum)

      Come spezia da cuocere o cospargere sul piatto 2-3 volte al giorno di 2-3 pizzichi di piretro in polvere. La polvere di radice di piretro è un potente agente che aumenta l’intelligenza ed è considerata un promemoria universale da Sant’Ildegarda.

    • Farro

      Il farro, oltre a regolare il PH acido del sangue, dona serenità, rallegra ed elimina la bile nera che per Ildegarda (come già sappiamo), è la causa di tutte le malattie gravi. La forza d’animo e l’energia prima della vita aumentano se ci nutriamo di farro. Si consiglia di iniziare la giornata con una colazione Habermus (vedi la ricetta Habermus nella sezione «Ricette» e l’introduzione alle proprietà del farro, nella sezione «Cibo»).

    • Polvere di radice di iris (giglio)

      È particolarmente efficace contro i disturbi nervosi e la confusione mentale. Ad una zuppa di farro chiaro o ad un habermus aggiungere un po’ di sale e un cucchiaino di polvere di giglio e berlo spesso per una stagione.

    • Finocchio

      Il finocchio dà un buon odore corporeo, ci fa irradiare buone vibrazioni e fornisce un buon umore. E ‘sano in qualsiasi modo è preso e aiuta in caso di bruciore di stomaco e rigurgito, elimina la bile nera che decompone le sostanze di decomposizione della bile nera dall’intestino. Infusi di finocchio, bulbi di finocchio come verdure o compresse di finocchio per masticare 3-5 compresse di finocchio dopo i pasti.

    • Estratto di finocchio

      Massaggio con poche gocce da una a tre volte al giorno su fronte, tempie, torace e stomaco.

    • Zaragatone

      I semi dello zaragatone (Psyllium), favoriscono una buona digestione e un buon umore. Si può prendere un cucchiaino da tè cosparso sui pasti, o su di essi, ma bere molto liquido in seguito (3 volte al giorno).

    • Avena

      L’avena dà bella pelle, dà salute, affinare l’intelligenza e dare gioia. I fiocchi d’avena si mangiano in zuppa o in altra forma ma mai crudi (il muesli crudo e freddo è sconsigliato).

    • Le mandorle

      Mangiare 5-10 mandorle al giorno, masticandole bene.

    • La gioia di Santa Ildegarda e i biscotti dell’intelligenza

      Questi biscotti sono un rimedio universale per i casi di mancanza di concentrazione, stanchezza e malattie nervose in generale. Incoraggiano la concentrazione, affilano l’intelligenza e sono una benedizione per i nervi. Proteggono i cinque organi dei sensi contro l’invecchiamento, eliminano l’amarezza del cuore e danno pace. Illuminano e allo stesso tempo riducono gli stati d’animo dannosi, migliorano la composizione del sangue, rinvigoriscono e rafforzano. Attenzione! Non mangiare più di 3-5 biscotti al giorno. Questi biscotti sono un rimedio per curare, non sono biscotti qualsiasi (vedi ricetta nella sezione «Ricette»).

    • Succo di Liquirizia ed estratto di Rosa

      1 a 3 volte al giorno 1/2 cucchiaino da tè, per 4 settimane. Il succo di liquirizia è un ottimo rimedio per la depressione, la psicosi maniaco-depressiva e l’infiammazione delle mucose.

    • Ruda

      Masticare una o due compresse al giorno dopo i pasti, se le foglie di ruta fresche non sono disponibili. Rue riduce malinconia, depressione, vampate di calore, disturbi digestivi e rinforza le vene. Dopo aver mangiato, 1-2 foglie di ruta fresche devono essere masticate. Se non abbiamo foglie fresche è lo stesso a masticare una compressa di ruta dopo i due pasti principali. Questo riduce la malinconia, la depressione, le vampate di calore, il disagio digestivo e rafforza le vene.

    • Infuso per i nervi (25gr di balsamite, 75gr di finocchio)

      Questa infusione nervosa è calmante e convoglia gli stati d’animo disordinati e li rimette in carreggiata. Il sonno naturale è il modo migliore per ricaricare le batterie (per disturbi cerebrali, schizofrenia, psicosi, nevrosi). In 1 litro d’acqua mettere 2-3 cucchiaini da tè di questo composto, far bollire 2-3 minuti e bere tutto il giorno in più volte.

    • Hisopo

      Foglie o 2-3 pizzichi di issopo in polvere come condimento per la cottura del pollo. Il tampone è anche un antimelanconico. Può essere usato come spezia nella cottura del pollo o immergendo l’erba fresca nel vino e assumendolo con moderazione, previene la tristezza e le malattie del fegato.

    • Bevanda viola o elisir

      Bere 1 bicchiere di liquore -20 cl- al giorno, da 4 a 6 settimane. Questo trattamento può essere applicato a condizione che sia preso con piacere. Se l’elisir, inizia a disgusto, questo è un’indicazione che la cura è giunta al termine. L’elisir viola aiuta nelle malattie del fegato di tutti i tipi (ad es. ittero, epatite), disturbi dell’umore, depressione, menopausa, malattie polmonari, depressioni croniche, tristezza, sentimenti di scoraggiamento con o senza lesioni polmonari.

    • Castagne

      Rafforzano i nervi, aiutano in caso di insonnia e calma rabbia.

    • Cubeba Pepe

      Ferma l’eccitazione sessuale, favorisce lo stato d’animo felice, dà il dono di una percezione autentica e aiuta contro l’isteria. Allo stesso tempo aumenta la capacità e rafforza i nervi. 3-5 grani possono essere masticati ogni giorno.

    • Carne de Avestruz

      La carne di struzzo è un tonico. Le persone affette da epilessia dovrebbero mangiare carne di struzzo, in quanto fornisce salute e consente il controllo del corpo stesso.

    • Ónix – Ónice

      Onice aiuta nelle malattie legate alla tristezza.

    • Calcedonio blu (bracciale o collana)

      A contatto con la pelle è un buon rimedio contro la malinconia. Il calcedonio rafforza i nervi, aiuta a combattere la rabbia, distanzia gli eventi e aiuta a combattere lo stress. Si indossa con un bracciale o una collana a contatto con la pelle.

    • Cristallo di rocca

      Il cristallo di rocca aiuta nei casi di debolezza nervosa, palpitazioni, tendenza allo svenimento e disturbi tiroidei.

    • Diamante grezzo

      Il diamante grezzo aiuta nella riabilitazione dopo un colpo. Mettere il diamante ogni notte in un vaso di vetro e riempirlo d’acqua. Quest’acqua viene utilizzata il giorno dopo per cucinare e bere.

    • Lastra di agata

      La lastra di agata aiuta le persone che soffrono di un’elevata suscettibilità ai cambiamenti lunari.

    • Diaspro rosso (lastra)

      Una lastra di diaspro rosso può eliminare gli incubi, dà pace e calma il cuore in caso di tachicardia. Viene posto freddo sulla zona del cuore fino a quando non si riscalda e, se una volta non è sufficiente, si raffredda nuovamente e viene sostituito.

    • Galanga

      La Galanga, come già sappiamo, è il rimedio stellare di Santa Ildegarda per il cuore e la circolazione. Come profilattico, prendere 1-3 cucchiaini da tè, tre volte al giorno, di miele con un contenuto di galanga compreso tra il 10% e il 30%, prima dei pasti.

Per tutti i casi di malattie nervose, compresa la depressione, un regime basato su:

    • Farro, frutta, verdura, mandorle, finocchio e castagne.
    • Per quanto riguarda le carni sono altamente raccomandate tra pollame, pollo e in particolare nei casi di epilessia struzzo; agnello (soprattutto da maggio a ottobre), cervo, capra, capra, e tra i pesci, luccio, merluzzo, persico.
    • Insalata di lattuga ben condita (con aceto, olio di girasole spremuto a freddo, poco sale e poco zucchero) per la «pre-digestione» con chicchi di farro cotto.
    • Pochi grassi, limitati a poco burro pressato a freddo o olio di girasole.
    • Una dieta povera di sale, verdure abbondanti (mai crude) e utilizzare le spezie hildegardianas (galanga, piretro, timo serpol, ecc.) come condimento.
    • Come bevande: birra (se può essere meglio farro), farro «caffè», tè nero e infuso di finocchio. L’acqua a basso contenuto di minerali, acqua ad osmosi inversa è molto buona. Ed è «umanizzato», cioè che si sente meglio, (lo dice sant’Ildegarda), se prima di berlo si aggiunge un pezzo di crosta di pane, meglio ancora se è di farro.
    • Se si mangia formaggio (sempre con moderazione), meglio se cremoso o ricotta, stagionato con cumino che li rende più digestivi.

Escrito por Casa Santa Hildegarda