diciembre 9, 2014 Dolci, Ricette 4 comentarios

Dice il testo originale di sant’Ildegarda di Bingen:

«Lasciate che la persona spruzzo noce moscata e lo stesso peso di cannella e un po ‘meno chiodi di garofano. Preparare frittelle con quella polvere, fiore di farina di farro e un po’ d’acqua e mangiarle spesso e soffocheranno tutta l’amarezza del tuo cuore e del tuo spirito e apriranno i tuoi sensi spenti, allieteranno il tuo spirito e diminuiranno tutti i tuoi umori dannosi.».
Santa Ildegarda di Bingen

Ingredienti:

    • 22 g di noce moscata macinata.
    • 22 g di cannella in polvere.
    • 5 gr. di polvere di chiodi di garofano macinato.
    • 750 g di farina di farro (tutta bianca o meglio, 500 g di farina bianca e 250 g di farina integrale).
    • 300 grammi di zucchero di canna.
    • 250 g di burro (o olio di cocco)
    • 200 gr. di mandorle tritate.
    • 1 pizzico di sale.
    • 2 uova (solo tuorli)

Preparazione:

Mescolare prima le spezie con la farina secca e poi sciogliere il burro, senza scaldarlo troppo, e mescolare con lo zucchero e le uova. Mescolare il tutto e impastare aggiungendo un po’ d’acqua (quella che ammette), in modo che l’impasto non si attacchi alle mani.

Si spalma con un rullo molto sottile (3 mm), e i biscotti sono fatti con uno stampo come quelli del Natale. Con questi ingredienti escono circa 130-140 biscotti (se si ottiene di meno, è che si fanno più grandi e poi invece di 3 al giorno per i bambini e 5 per un adulto, si regola in base alla dimensione che si è venuto fuori).

Mettere su carta da forno su una teglia di metallo e cuocere in forno a 180º per 10-15 minuti fino a doratura.

Questi biscotti di gioia e intelligenza, hanno un gusto eccellente e vanno sempre tenuti a portata di mano in dispensa.

E’ un rimedio per chi pensa di essere finito in un vicolo cieco. In situazioni così estreme i sensi sono spenti, ci si sente amareggiati e non si vede soluzione da nessuna parte.

Insieme ad un’analisi obiettiva della situazione, al coraggio di correre un rischio in senso positivo e alla preghiera, questi biscotti forniscono anche un ulteriore aiuto per uscire dalla situazione, poiché rallegrano, affilano i sensi, eliminano l’amarezza dal cuore e diminuiscono tutti gli stati d’animo dannosi per il benessere del corpo.

La persona diventa lungimirante, allarga il suo orizzonte, e rafforzato in questo modo, può trovare una soluzione ai suoi problemi.

Aiuta molto i bambini in età scolare, specialmente nei casi di deficit di attenzione, ma Santa Hildegarda dice di non dare loro più di 3 biscotti al giorno in modo che «non diventino troppo canaglia».».
Escrito por Casa Santa Hildegarda