diciembre 9, 2014 La salute 2 comentarios

Il programma «paura» causa numerosi blocchi e malattie nelle persone e rende gli uomini dipendenti, manipolati e incapaci di prendere le proprie decisioni.

Oggi, quasi un terzo degli europei, più di 127 milioni di persone, soffrono di ansia e attacchi di panico. Un settimo dei pazienti ansiosi muore per suicidio. L’ansia e la depressione sono tra le cause di morte più comuni. Secondo le stime dell’OMS, entro il 2020 saranno secondi solo alle malattie cardiovascolari come causa di morte. La paura significa due miliardi di dollari per l’economia mondiale ogni anno!

L’ansia ha molte manifestazioni

Paura delle persone, di Dio e della vita, paura degli animali, cani o gatti neri, serpenti, topi, pipistrelli, paura di malattie come il cancro, paura di impazzire o di perdere la testa, paura della vecchiaia, povertà o solitudine, paura delle infezioni, AIDS, epatite, influenza aviaria, influenza suina, influenza suina, ecc. Paura di varie situazioni, ansia per gli esami, paura delle altezze.

Se ci fidassimo del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo, non avremmo paura. La fonte di ogni potere, il Signore dell’universo, che è Dio, è più forte di ogni paura. Gesu’ disse:

«Nel mondo avrete afflizione, ma siate di buon umore; io ho vinto il mondo» Gv 16, 33

«Il mio regno non è di questo mondo» Gv. 18, 36

«Sono la luce del mondo. Chi mi segue non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita» Gv 5, 12

Quale mondo? Il mondo divino o il mondo umano?

Se solo conosciamo questo mondo, il mondo materiale, con i suoi 35 fattori di rischio psicosociale, è facile per noi provare paura. Gesù è venuto a liberarci dall’amore del mondo in tutte le sue manifestazioni: il denaro, il potere, i beni e la condizione sociale. Si è rivolto ai più poveri tra i poveri e agli umili. Ci fa vedere molto chiaramente che questo ego mondano non ha nulla in comune con il mondo spirituale. Il mondo materiale è un’illusione, che si paga con la perdita di spiritualità.

«Non pensare che io sia venuto per portare la pace sulla terra; non sono venuto per portare la pace, ma la spada. Perché sono venuto a mettere il figlio contro suo padre, la figlia contro sua madre, la nuora contro sua suocera, e i nemici dell’uomo saranno quelli di casa sua. Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me» Mt 10, 34 – 37a

Gesù ha lasciato ai suoi successori una regola d’oro che, nonostante gli sforzi dei buoni propositi, non è ancora vissuta fino ad oggi:

«Qualunque cosa vogliate che vi facciano gli uomini, fatelo voi stessi, perché questa è la Legge e i Profeti» (Mt 7,12).

Gesù non ha detto: «Scegli le persone decenti e trattale educatamente come vorresti che ti trattassero».
La nostra natura umana ama coloro che ci amano, non coloro che ci odiano. È nella nostra natura umana difenderci se veniamo attaccati, eppure Gesù dice:

«Non combattere il male.»
«Gira la guancia destra. «Ama il tuo vicino come te stesso».

Le parole di Gesù sono troppo radicali per vivere? Era questa la sua intenzione? O abbiamo frainteso Gesù, anche se ha parlato così chiaramente, semplicemente e direttamente? Puoi passare tutta la tua vita cercando di essere un buon cristiano senza fare quello che Gesù vuole veramente che tu faccia? Finché non cambierai, non sarai in grado di capirlo.

Quando Dio vide che 1000 anni dopo la venuta di Gesù, tutto andava male e i cristiani stessi combattevano tra loro e gli altri, usò il freno di emergenza. Scelse nella sua onnisciente Saggezza, una donna non istruita, Ildegarda di Bingen, e le rivelò di nuovo la via, la verità e la vita nella realtà divina.

La trilogia delle Visioni

«Conosce le vie della salvezza e della guarigione», fu il suo primo libro, con il quale divenne famoso in tutto il mondo in quel tempo. E’ stato seguito da un libro sulla psicoterapia con 35 debolezze umane e le loro virtù opposte, nonché una visione dell’intero universo, «Le opere divine» (Liber Divinorum Operum). Una visione completa di cosmologia, teologia, musica, arte e medicina. L’arte della guarigione con il suo libro di medicina su «Le cause e i trattamenti della malattia», che ha posto le basi per una scienza olistica della guarigione, una scienza che non solo si impegna a «riparare» i danni causati dalla malattia, ma alla guarigione dell’essere umano nel suo complesso.

Sant’Ildegarda di Bingen scrisse in nove libri il primo trattato tedesco sulla naturopatia conosciuto come «Physica», che riassume le forze curative naturali di alberi, frutti, spezie ed erbe medicinali, animali, uccelli, pesci, pietre preziose e metalli. «Io sono la Via, la Verità e la Vita», questa affermazione è il segno distintivo di Dio. Qui ed ora l’esplosione spirituale avviene proprio come se si fosse in preda ad un pensiero di agitazione, ti affascina, tocca il tuo cuore e lo agita. Sant’Ildegarda riesce a trasmettere, attraverso le sue visioni come per immagini visive, il messaggio di Gesù sul potere della Vita, la creazione, l’universo, la vita delle persone al ritmo della natura e in armonia con l’universo.

«O uomo, guarda i tuoi simili. Vedrete che l’uomo ha il cielo e la terra e tutta la creazione raccolta nel suo essere e tutto è nascosto in lui» CC 13

«Così l’uomo e Dio sono uno solo, come anima e corpo, perché Dio ha creato l’uomo a sua immagine e somiglianza» CC 106

«Perciò tutta l’armonia celeste è il riflesso della divinità e l’uomo è lo specchio di tutte le meraviglie di Dio» CC 106

Per saperne di più

[list_tick ]
  • «Heilen mit der Kraft der Seele» (Guarigione con la forza dell’anima)
  • La psicoterapia di Hildegard von Bingen di Wighard Strehlow (pubblicato nel 2010 in Knaur Editorial, Monaco di Baviera)

[/list_tick]

Nota: CC sono le abbreviazioni del libro del santo, Causae et Curae. 
Escrito por Casa Santa Hildegarda