Sono passati 7 anni da quando abbiamo conosciuto per noi un mondo completamente nuovo grazie ai lavori sulla salute e sul cibo di Sant’Ildegarda. In questo periodo il farro ha conosciuto un boom spettacolare nel nostro paese. Da cereale praticamente sconosciuto, è andato sugli scaffali della maggior parte dei supermercati in Spagna.

Di fronte a questa situazione è necessario fare alcuni chiarimenti.

Quando il Dr. Strehlow, seguendo Santa Hildegarda, parla di farro come alimento medicinale in grado di ripristinare la salute come elemento base di una dieta a base di farro, frutta, legumi, verdure, carne e pesce e una certa serie di erbe e spezie, è necessario chiarire alcuni concetti di base.

Affinché il farro abbia proprietà terapeutiche, deve essere di farro non ibridizzato con il grano.

Non dobbiamo confondere il farro di coltura biologica con il farro non ibridizzato. Possiamo coltivare il farro ibrido in modo ecologico o biologico, ma continuerà ad essere ibrido e quindi non sarà un alimento terapeutico, inoltre causerà a molte persone gli stessi problemi che il grano.

Se vogliamo usare il farro come alimento medico, deve essere una di queste varietà:

Obelkulmer Rotkorn (il più facile da trovare)
Frankenkorn
Ostro
SchwabenKorn
Il farro asturiano (senza ibridazione) è coltivato in Spagna.
Piccolo farro -monocum («eingrain» o pétit épeautre, in francese; Einkorn, in tedesco). (Qualcosa si coltiva anche in Spagna in alcune zone della Catalogna).

Chiaramente, se compriamo una confezione di farina di farro a meno di 2€ al kg (prezzi quest’anno 2018) che non specifica nemmeno quale varietà di farro non ibridizzato sia, non possiamo fingere che questa farina possa essere utilizzata come alimento curativo in una dieta per i nostri problemi di salute.

Il prezzo della farina di farro che specifica sulla confezione quale varietà non ibrida di farro viene trattata (o etichettata «qualità Dr. Hertzka») varia sul mercato (in negozi specializzati come www.santaildegardadibingen.it e altri) tra 5 e 7-8 € per kg. Per molte ragioni che non possiamo spiegare qui.

Con il tempo le cose diventeranno più chiare e il pubblico sarà più informato e tutti sapranno come acquistare ciò di cui hanno bisogno, conoscendo il rapporto qualità-prezzo del farro che stanno comprando e il motivo di queste differenze di prezzo.

Facciamo un esempio per farci capire meglio. Un paese dove gli agrumi non vengono coltivati e dove da un certo momento si iniziano a consumare gli agrumi importati dalla Spagna.
In un primo momento distinguere un’arancia o un limone da un mandarino sarà il più perentorio. Quando la gente sarà più informata sarà in grado di distinguere, quando si parla di mandarini, tra le diverse varietà: clementine, clemenvilla, satsuma…. E quando si parla di arance si potrà distinguere tra: ombelico, ombelico di washington, ombelicati, vernie, salustiane….

In Spagna per ora siamo in fase di conoscenza del farro. Ma per scoprire le sue proprietà terapeutiche dobbiamo andare più in profondità.


Perché il farro viene digerito meglio del grano tenero?

Il glutine di farro ha una diversa composizione molecolare rispetto al glutine di frumento moderno, essendo più fragile e solubile in acqua. Il glutine di frumento non è solubile in acqua, e quando viene impastato si agglutina di più e diventa indigesto.

Nel nostro sistema digestivo il glutine di farro, più fragile, si frantuma facilmente durante la masticazione e l’insalivazione, permettendo agli enzimi e agli acidi gastrici di lavorare più facilmente. Nel caso del grano, durante il processo digestivo si forma un bolo molto difficile da digerire.

Il grano moderno è stato modificato per rimuovere il guscio esterno (buccia), che protegge il grano, ed è più facile da raccogliere e lavorare. Senza questa protezione alla silice, il grano moderno ha sviluppato inibitori enzimatici per combattere i parassiti. Questi inibitori ostacolano l’attività dei nostri enzimi che aiutano la digestione.

Il farro, con la buccia silicea esterna, non contiene inibitori enzimatici, quindi la sua digestione è più facile. A differenza del grano, non sviluppa proteine da stress se coltivato in condizioni estreme o sfavorevoli.

Infine, il farro ha un contenuto di fibre più solubili del grano, che aiuta a digerire meglio il glutine.

Il farro è più resistente e più rispettoso dell’ambiente del grano, perché non ha bisogno di pesticidi, insetticidi, fertilizzanti chimici o fungicidi per la sua coltivazione.

Il farro può crescere in terreni poveri e in condizioni climatiche difficili senza bisogno di fertilizzanti, essendo un cereale a bassa resa. Si tratta quindi di una coltura più sostenibile a lungo termine e più rispettosa dell’ambiente.



Per ulteriori informazioni sul farro, la sua preparazione, il suo consumo, i suoi vantaggi e le sue proprietà, potete visitare i seguenti link:

https://www.santaildegardadibingen.it/glosario/habermus-de-espelta/

https://www.santaildegardadibingen.it/glosario/espelta/

https://www.santaildegardadibingen.it/la-espelta/

https://www.santaildegardadibingen.it/espelta/

Escrito por Casa Santa Hildegarda